Vai Indietro   FitUncensored Forum >
Personal pages
> Work in Progress
REGISTRATI FAQ Calendario Personal Trainer Gratis Segna come Letti

Work in Progress Dove postare il proprio programma di preparazione atletica, le proprie esperienze, il proprio diario personale.

Ciao amico visitatore, cosa aspetti? Apri una discussione subito nella sezione Work in Progress

Rispondi
 
LinkBack Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio
  (#886)
Lorenzo Lorenzo Non in Linea
UncensoredModerator
 
Messaggi: 3,101
Data registrazione: Apr 2005
Località: vicino al mare
Età: 47
Predefinito 29-06-2012, 09:55 AM


minkia...

ko

....




Rispondi Citando
Vecchio
  (#887)
DesperateGymwife DesperateGymwife Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 2,699
Data registrazione: Aug 2009
Predefinito 29-06-2012, 10:17 AM


Avrei un sacco di cose da dirti, ma ti leggo dall'ufficio e non ne ho il tempo...il tuo diario mi colpisce sempre molto.
A volte penso che sarebbe da pubblicare.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#888)
Yashiro Yashiro Non in Linea
inattivo
 
Messaggi: 6,156
Data registrazione: Jan 2010
Predefinito 29-06-2012, 01:04 PM


Oggi non riuscirò a risponderti, nemmeno tardi...provo stanotte o domattina.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#889)
matalo matalo Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 2,141
Data registrazione: Apr 2009
Località: Roma
Età: 35
Invia un messaggio via MSN a matalo
Predefinito 29-06-2012, 03:39 PM


Quote:
Originariamente inviato da Lorenzo Visualizza Messaggio
anche io ile...

E' un momento così ora, ma so che succederà..

e poi guarda cosa mi prepara



Lei la conosce e la anela tale felicità. Altrimenti non sarebbe capace di preparare un piatto così così colorato, così VITALE. così capace di rendere felici. Un piatto che mi ricorda quanto tutte le sue paure siano incredibilmente umane, anche malate come qualcuno che legge e non scrive ma ormai pensa.
Ma dietro questo piatto c'è molto più di quanto uno possa pensare. Ed è ciò che a me basta. Tutto ciò che pensa Valentina passerà, perchè LEI è così dentro, lei è a COLORI, anche se adesso le sta arrivando poca luce e sembra tratti bianco o a tratti nero...

Quote:
Originariamente inviato da Acid Angel Visualizza Messaggio
Ecco 6 pagine di appunti presi nel 2010, poi riletti e aggiornati, piccola parte di materiale che ho buttato giù per raccontarmi. Stasera queste pagine racconteranno di me su questo diario.

Da trattare, se possibile, con cura e "silenzio emotivo", entrando in punta di piedi. Perché è così che si deve leggere un'anima o parte di essa o parte di quello che è stata.
Vale ho letto quello che hai scritto , mi dispiace innanzitutto leggere che hai problemi purtroppo non si riesce mai ad essere tranquilli... però voglio dirti una cosa leggere le cose indietro vedere quella foto pubblicata e le cose scritte sotto mi ha fatto commuovere sei fortunata ad avere Lorenzo accanto spesso basta una piccola cosa per strappare un sorriso e dare la forza di andare avanti, tenere duro e non lasciarsi inghiottire nel baratro...sono con te!
Rispondi Citando
Vecchio
  (#890)
Yashiro Yashiro Non in Linea
inattivo
 
Messaggi: 6,156
Data registrazione: Jan 2010
Predefinito 29-06-2012, 04:09 PM


Cara Vale,
mi rubo un pò di tempo dall'ufficio per caricare sull'insostituibile Blocco Note il mio pensiero che appena posso copio e incollo sul forum.

Ciò che leggo mi preoccupa ma non tanto per il contenuto, quanto per l'effetto che ne subisci. Questa situazione non ti fa paura, la paura sarebbe ancora qualcosa di neutrale poiché tu sai non farti sopraffare da essa e mantenere lucidità e raziocinio... questa escalation ti sta mandando nel panico. Ed il panico è una paura incontrollabile, che porta a fare cose illogiche e pericolose.

Non è una sconfitta la tua, è una parte del percorso probabilmente: non devi quindi pensare "ho già ricevuto aiuto, se non ho fatto con quello sono una debole e non merito altro" perché inconsciamente...stai facendo il gioco di cui tante volte hai discusso. "Finché non riconosci che hai bisogno di aiuto, nessuno può farlo; prima devi capire di avere un problema." Ora stai rifiutando l'aiuto... non vuoi parlarne a casa, non vuoi cercare un supporto specialistico (per mille buone ragioni, tra cui la paura di trovare ancora incompetenti) perché pensi ancora di potercela fare da sola... Ma nessuno ti darà un premio se te la cavi da sola, semplicemente soffrirai di più e allungherai i tempi di ripresa. Non è mica detto che tu stia fallendo nel tuo intento eh, però non mi ostinerei a volermi arrangiare poiché la situazione sta diventando delicatissima.

L'unico aspetto positivo che vedo (se proprio dobbiamo trovarne) è che il cibo ti sta andando a noia. Positivo questo? Eh, per me sì. Perché anche le tue profonde sicurezze alimentari si stanno sgretolando. "E dovrebbe essere un bene?!" Ma forse sì: lentamente tu stessa ti stai ribellando alle tue regole autoimposte, i cibi approvati che ti eri imposta di adorare per forza di cose improvvisamente ti disgustano, quindi qualcosa sta cambiando. Fermo restando che dovrai pur vivere (e so che, conoscendoti, alternative non ne hai in questo macabro ambito) cambierà qualcos'altro anche. In te è insito il sacrosanto tarlo del dubbio: cosa vuoi mangiare? Non lo sai. Ma lo saprai, con poca convinzione o altri rimorsi che però soffocati dalla tua stessa volontà sfumeranno: i cibi che ti eri imposta sembra stiano per essere rigettati, altri se ne sostituiranno o torneranno dall'oblìo in cui li avevi sepolti. Per disperazione? Per cambio di mentalità? Per sfizio? Poco importa, l'importante è che qualcosa cambi. Se rimetterai cibi più soddisfacenti per te cambierà anche l'umore. Sicuramente cambierà anche l'apparato digerente oramai avvilito a smantellare sempre gli stessi cibi ed un cervello depresso dalla mancanza di stimoli piacevoli al gusto.

Ora ti voglio lanciare una provocazione pesante, ti prego di prenderla come tale e di rifletterci al di là dell'allegoria.

Sai di cosa avresti bisogno?
(rileggi la riga sopra....)

Prigonia.

E ti spiego perché. Tu sei così ossessionata a livello conscio e subconscio dal calcolo calorico, dalla ripartizione di macro e dal deficit che è impossibile per te non pensarci in condizioni di libertà.
Tutto cambia però quando si parla di mera sopravvivenza. Al momento hai difficoltà a gestire la libertà alimentare, quindi andrebbe "bypassata".
Fossi in cella, un paio di volte al giorno ti portano una ciotola. Addirittura, dovrebbero portarti un mischione frullato con dentro tutto. Carne, verdura, frutta, frutta secca, pane, formaggio... questo proprio per impedirti di poter conteggiare cosa stai mangiando. Ipotizzando questa situazione, tu NON sai cosa mangi, ma non hai alternativa: o la mangi o muori. Il tuo amor proprio e il tuo istinto ti negherebbero la seconda opzione, probabilmente impazziresti il primo periodo perché ingurgiteresti una schifezza dal gusto indefinito, potresti passare giorni a immaginare, dai gusti, cosa possa contenere e stimarne le calorie. Ma non potresti pesarlo, anche volendo. Dovresti approssimare calorie, peso, approssimare tutto. Secondo me la tua paranoia finirebbe per cedere: non potendo dimensionare la tua alimentazione, per solo istinto di sopravvivenza mangeresti, senza pensarci. Una specie di reset forzato: hai un cibo non inquadrabile e nessuna alternativa, come ritieni che agiresti?
Dopo un periodo più o meno lungo secondo me ritroveresti una certa forma di equilibrio, dato che non hai alternative. Nel "mondo libero" è estremamente difficile da attuare questa prova, perché hai accesso a credenza, supermercato, orticello oltre alla possibilità di rifiutare il cibo (sempre in base alle tue regole, classificandolo per quantità e calorie e bandendolo per i motivi di cui sopra).

Terminata questa provocazione infima ti dico: Vale non isolarti. Fai lo stesso errore che facesti all'inizio altrimenti... E' un'altra fase, non prenderla come una ricaduta della precedente.

Un abbraccio
Rispondi Citando
Vecchio
  (#891)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 30-06-2012, 08:47 AM


RIASSUNTO VENERDI’

Tra colazione (presto) e pranzo (h. 12.30) ho totalizzato 500 kcal, poi sono andata a scuola, poi in palestra (allenandomi con i giramenti di testa, cialtrona che non sono altro), poi sono andata a prendere Lorenzo in stazione (treno arrivato con 90 minuti di ritardo, poi uscita breve con amici che era già programmata, insomma ho mangiato di nuovo a mezzanotte.

Volevo farmi una delle pizze alle verdure surgelate che ho in casa (sono un paio, le ho comprate da un mese e mezzo, ogni giorno le guardo e mi dico che non è il momento), ma ho fatto il mio solito pasticcio. L’ho messa nel microonde, ho fatto scaldare, mangiato un po’ di crosta, poi funzione forno, insomma alla fine non potevo aspettare e la pizza era sempre cruda. Ho mangiato un po’ di pasta che era cmq quasi fredda, ma ne ho scartati più di 100g, (considerando che la pasta è più calorica del condimento, ho valutato spannometricamente le kcal che ho ingerito), alla fine ho mangiato il condimento (poco), e anche quello era tiepidino. Ho sprecato un’occasione e avevo ancora fame. Allora 100g fiocchi di latte, poi mezza fetta pane pema, poi 2 mini pesche, ancora fame… allora 200g quark (cacchio la coperta dei latticini) con 10g crusca, poi sono andata a letto. Abbastanza sazia, sì, ma assolutamente disgustata e insoddisfatta.


TOTALE 1150 kcal

La giornata di venerdì è stata intensissima. Tracy scappata al mattino, un’altra cosa che ho fatto al mattino che non ha portato a conclusioni ma che è un passo fondamentale per me (e che mi costa molto), salutare tutti i colleghi con cui ho lavorato 2 anni, poi, chissà, uno schiaffo psicologico potentissimo e fuori luogo da una persona che in fondo non è nulla per me (ma è molto per chi amo, e per rispetto di questa cosa io “ingoio il rospo” e vado avanti… sempre a essere superiore…).

Registro una piccola battaglia vinta nella mia guerra, anzi 2. Un paio dei miei susini ha le susine pronte. Ieri mi sono ritrovata a parcheggiare più in là vs il solito e ho notato le susine morbide cadute per terra. Non ho fatto come gli altri anni, mangiandone una dietro l’altra noccioli compresi, ne ho mangiate 9, la decima l’ho portata in casa e l’ho pesata, ho stimato lo scarto e ho visto che avevo assunto 100g netti di susine. Sono stata contentissima di me. Stamani ho annaffiato l’orto (che più che un orto è una jungla) e a l’altro susino (adiacente a una delle ficaie del terrore) aveva altrettanto le susine mature. Ne ho mangiate 12, erano più piccole ma il succo non cambia. Poi ne ho prese un po’ per Lorenzo, le ho portate in casa e lavate per lui senza raptus da frutta.

SABATO 30 giugno 2012

COLAZIONE

100g susine cosce
200g quark con pomodoro
10g crusca
1 pesca piccola

Soddisfazione ZERO.
Sazietà poca.
Frustrazione alta.
Fame appena dopo colazione… lasciamo perdere…


Ieri sera siamo andati a letto alle due, sono stata agitata tutta la notte per quella cosa cui ho accennato sopra. Inutile che faccia finta di niente, certe mancanze di rispetto, oltretutto da chi è più piccolo di me e non mi conosce, mi feriscono e mi fanno stare male. E mi fa’ star male chi si mette in competizione con me quando io sono la prima a farmi da parte se vedo che chi amo ha rapporti importanti con altre persone. Ora mi sento anche in colpa perché il mio fidanzato sceglie di starmi accanto in un momento DI MERDA invece di cazzeggiare con gli amici, quando io in tutte le lingue gli ho detto “Vai con loro”.

E il problema è che io me ne sto zitta, quasi quasi penso che è vero, che incateno chi mi ama, che gli impedisco di vivere, quando vorrei tutto il contrario. Però non devo permettere a un altro vortice di ingoiarmi. Non devo.
Il weekend è iniziato e io ho dormito un’ora, dalle 5 mi giro nel letto con la lacrima appesa, alle 7 poi sono andata nell’orto… 100g di susine mi hanno confortato? No. Per fortuna che sto dando un freno a quel tipo di conforto “fruttesco”, è un’altra grossa ansia. Ma se non ti anestetizzi, o meglio, se capisci che in un certo modo ti anestetizzi, allora puoi evitarlo. E se eviti l’anestesia la ferita la senti tutta.

Senza sconti sul dolore.

E la cosa peggiore che temi di meritarlo, che senti le altrui parole come vere anche se dette tanto per parlare. Ti senti di meritare che qualcuno dall’alto di non so cosa ti dica che sei inopportuna a dire al tuo fidanzato “Forse ho un po’ bisogno del tuo aiuto, totalmente da sola non ce la faccio”, dopo che per mesi e mesi e mesi ti ha pregato di aiutarti. E tu non volevi per non farlo star male. Cedi, permetti a te stessa di essere amata un po’ di più, permetti a te stessa di ammettere di essere debole e alla prima occasione vieni redarguita.

Forse me lo merito, ma in realtà non ne sono così sicura.
Allego un’altra parte degli appunti che avevo buttato giù nel 2010, con un piccolo aggiornamento a oggi. A parte la concentrazione su quel momento della mia vita, si comprende bene cosa io intenda per “fare male al prossimo”, e quanto mi senta colpita se questa cosa mi viene fatta notare da terzi.
Files Allegati
Tipo di File: zip Il male che ho fatto.doc.zip (15.9 KB, 22 visite)
Rispondi Citando
Vecchio
  (#892)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 30-06-2012, 02:01 PM


PRANZO h 12.45

100g pesce magro al vapore con sale e pepe
zucchine bollite scondite
40g pane
1 formaggino Mio
1 pesca piccola

Ho sempre i crampi, ho proprio fame.
Pancia gonfia, intestino messo in crisi dalla pasta cruda della pizza di ieri, mangiata pure tardi.
Non so se resisto fino a cena a non mangiare altro.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#893)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 30-06-2012, 03:33 PM


CVD

Snack h 15.00
250g yogurt magro
20g All Bran
1 pesca piccola
1 noce
4 mandorle

Da mesi non mangiavo gli All Bran, avevo voglia di yogurt e cereali ma temevo di ricominciare il loop dei latticini dolcificati con tic e cacao… Invece ho mangiato lo yogurt al naturale con la frutta secca, i cereali e come “dolcificante” ho usato la pesca, con soddisfazione.
Dopo pranzo e anche ora mi si è gonfiata tantissimo la pancia, non riesco a defecare, ho spasmi continui, e tra la fame e il gonfiore, almeno ne ho eliminata una.
Ho avuto una delle mie crisi di pianto ma l’ho soffocata. Non voglio che Lorenzo debba sopportare troppo di me. Anche in virtù di quanto ho scritto nel post precedente.

Il mio corpo accoglie il dolore e rifiuta qualsiasi tipo di piacere, o comunque questa è la tendenza, e questo mi fa’ paura.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#894)
DesperateGymwife DesperateGymwife Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 2,699
Data registrazione: Aug 2009
Predefinito 30-06-2012, 03:34 PM


Il tuo diario susciterebbe un fiume di commenti, ma cercherò di andare per punti e non dilungarmi troppo.

Mi chiedo spesso perchè lo hai ripreso proprio adesso che hai sentito la tua condizione emotiva peggiorare. Per sfogarti, ovvio. Ma non credo sia solo per quello.
Per avere un incentivo a rispettare i menù che ti imponi, visto che poi li devi rendere pubblici? Forse in parte, ma hai fatto senza per anni, e sei calata fino all'anoressia senza bisogno di nessuno cui rendere conto di quel che mangiavi.
Per avere consigli alimentari? Lo escluderei, perchè ne sai più della maggior parte del forum, e non sei disposta a cambiare abitudini.

Secondo me, oltre all'esigenza di sfogarti, c'è quella di far capire in che sabbie mobili ti sei impantanata, come se tu alzassi una mano a chiedere aiuto.
Non ti senti di farlo esplicitamente e praticamente, per diversi motivi che ci hai spiegato qua e là, e sono tutti molto comprensibili. Non vuoi allarmare i tuoi genitori, in particolare ora che stanno male tua nonna e tua zia, e questo ti fa onore. Non vuoi andare dal tuo medico perchè conosce i tuoi e perchè non ne hai abbastanza fiducia. Non vuoi consultare altri nutrizionisti, psicologi, specialisti di nessun tipo perchè sei rimasta sfiduciata dalle esperienze passate, e perchè pensi di aver già avuto una volta la possibilità di guarire, e di non meritarne un'altra. Non vuoi nemmeno aiuto da Lorenzo, perchè ti senti in colpa se lui si concentra su di te e non vuoi farlo soffrire come hai fatto soffrire Andrea. Probabilmente anche un po' per orgoglio, perchè credi che ormai tu debba cavartela da sola.

Okay, tutti buoni motivi. Però ti sei anche rotta le palle di star male, fisicamente e psicologicamente, e il diario potrebbe essere un'implicita richiesta di aiuto, nell'unica forma mascherata in cui ti permetti di esprimerla.
In realtà, sai che un grosso aiuto purtroppo non te lo possiamo dare, perchè la battaglia è fondamentalmente con te stessa.

Quello che possiamo fare, secondo me, è fornirti una prospettiva dall'esterno, "lo sguardo degli altri". Che ovviamente non possono sapere esattamente cosa provi, e rischiano di essere anche indelicati. Ma a volte sapere come gli altri vedono la nostra situazione può servire a farci capire che tutto è relativo e ad allentare la morsa delle nostre convinzioni-prigione.
Perchè poi, in fondo, che certi pensieri e certi comportamenti siano di fatto dei sintomi di un disturbo, la tua parte razionale lo sa perfettamente, ma non ha sufficiente forza per impedire alla tua parte nevrotica di pensare e di agire come fa.
Ecco, lo sguardo degli altri, e i loro commenti, potrebbero, o almeno vorrebbero, essere un supporto alla tua parte razionale, per renderla più forte contro quell'altra.

Io credo che tu questo lo sappia, e anche per questo tu abbia deciso di aprirti qui e mostrare quanto sia essere ancora condizionato dal dca il tuo rapporto col cibo e non solo, visto che poi quello investe molti altri aspetti della vita.
Non credo che lo avresti mai fatto anni fa, quando eri nel pieno del disturbo; ma lo fai adesso perchè la tua parte "sana" e razionale è stanca di dover cedere a quella "malata", e cerca un rinforzo per resisterle nella prospettiva diversa che ti può dare chi legge.
Questo mica perchè chi legge sia migliore o meno nevrotico, beninteso, ma solo perchè magari le sue ossessioni sono diverse dalla tua e almeno su quella ti può dare una prospettiva più distaccata.
Per fare un esempio banale: tu sai benissimo che sentirsi in colpa per aver mangiato una susina in più è un'assurdità, ma forse se te lo ricordiamo anche noi la tua parte razionale riesce a gestire un po' meglio il senso di colpa patologico che ti scatena.

Ora devo andare, ma preparati..questa era solo la premessa!
Rispondi Citando
Vecchio
  (#895)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 01-07-2012, 09:42 AM


Quote:
Originariamente inviato da DesperateGymwife Visualizza Messaggio
Il tuo diario susciterebbe un fiume di commenti, ma cercherò di andare per punti e non dilungarmi troppo.

Puoi scrivere quanto vuoi, lo sai.

Mi chiedo spesso perchè lo hai ripreso proprio adesso che hai sentito la tua condizione emotiva peggiorare. Per sfogarti, ovvio. Ma non credo sia solo per quello.
Per avere un incentivo a rispettare i menù che ti imponi, visto che poi li devi rendere pubblici? Forse in parte, ma hai fatto senza per anni, e sei calata fino all'anoressia senza bisogno di nessuno cui rendere conto di quel che mangiavi.


Vero. Ma certe fasi si vivono solo una volta. In questo periodo mi sono sentita molto "a rischio" e per rischio io intendo il senso opposto a non mangiare. Scrivere qua invece un po' psicologicamente mi aiuta, perché come tu sai io mi sento sempre e comunque di aver la sensazione di mangiare troppo, o di essere "destinata" a mangiare troppo se lasciata sola con me stessa.

Per avere consigli alimentari? Lo escluderei, perchè ne sai più della maggior parte del forum,

Invece qui ti sbagli. A me, l'ho scritto, nessun medico o esperto o nutrizionista ha mai rassicurato sul poter "staccare la spina" per lo meno una volta a settimana e mangiare qualcosa che vorrei davvero ma di cui ho paura.
Io ne avrei bisogno, avrei bisogno anche io di sentirmi un'utente come la altre o come gli altri, da quel punto di vista. In tutti i tipi di forum che ho visto di sfuggita, e anche qui, quel tipo di supporto viene dato, forse a me no, perché? Perché faccio paura??? Non capisco. Io chiedo aiuto, mi basterebbe così poco.
Io mi sono fatta molte domande su peso, kcal e allenamento nella pagine scorse. Ho ricevuto un supporto morale splendido, ma lem ie domande mi frullano sempre in testa. E ho domande senza risposta da 5 anni. Come faccio a trovarle, se dentro di me diventano solo paure?

E non vado oltre su questo argomento.


e non sei disposta a cambiare abitudini.

In realtà le ho cambiate e moltissimo, se guardi inizio diario te ne rendi conto. Samani ho fatto una colazione quasi dolce dopo mesi e non credo di ripetere l'esperienza domani. Questo è un bel cambiamento. Ho introdotto i grassi, cibo Anticristo per me fino a pochi mesi fa, ho ridotto drasticamente la verdura...

Anche lì... le proposte di cambiamento di abitudini fattemi in passsato contemplavano modalità affatto personalizzate (nutrizionista centro DCA, nutrizionista deleterio di febbraio scorso), oppure con personalizzazioni che purtroppo mi hanno fatto desistere perché nel momento in cui le ho tentate non ero pronta. Questo sì.

Io vivo nel panico, ha ragione Yashiro.


Secondo me, oltre all'esigenza di sfogarti, c'è quella di far capire in che sabbie mobili ti sei impantanata, come se tu alzassi una mano a chiedere aiuto.

Già...

Non vuoi allarmare i tuoi genitori, in particolare ora che stanno male tua nonna e tua zia, e questo ti fa onore.

Ti ringrazio, però anche questo è vero fino a un certo punto. C'è un punto oltre al quale la reticenza protettiva diventa omertà, e io omertosa non sono.

C'è un momento in cui certe cose vanno comunicate, anche perché non posso pensare di essere invincibile. Farei l'errore opposto vs la me stessa di prima: prima troppo dipendente, ora troppo forzatamente indipendente.

Quello di cui parlavo ieri mattina, la cosa che non ha portato a conclusioni, è andare di nuovo al Centro. Ho pianto 20 minuti prima di entrare e altrettanti dopo essere uscita.
Volevo parlare con la mia ex nutrizionista, è il mio aggancio nella Asl, prendere appuntamento con lei eventualmente per sapere come ricominciare con il supporto emotivo, non con quello nutrizionale (io di lei non mi fido e diciamo che le problematiche umorali mi inficiano la qualità della vita ben più di un chilo in più sulla bilancia).

Lei è in ferie, torna settimana prossima e vedrò se riandarci. Fatto sta che ieri io e Lorenzo abbiamo parlato con mia madre. Lei pensa che io sia nello stesso baratro di prima, poi Lorenzo li ha spiegato in separata sede che si tratta di qualcosa di totalmente diverso. L'ho fatta stare malissimo, ma non le potevo nascondere di stare male, sto troppo male ora. Almeno un po' ho dovuto far calare la maschera. Altrimenti avrebbe avuto davanti una persona che finge, e questa non sono io.



Non vuoi andare dal tuo medico perchè conosce i tuoi e perchè non ne hai abbastanza fiducia. Non vuoi consultare altri nutrizionisti, psicologi, specialisti di nessun tipo perchè sei rimasta sfiduciata dalle esperienze passate, e perchè pensi di aver già avuto una volta la possibilità di guarire, e di non meritarne un'altra.

Ieri poi è stata una giornata fin troppo intensa, più di venerdì e sulla scia di venerdì. L'uomo che amo mi ha fatto capire di supportarmi in qualsiasi scelta, e se ora sono particolarmente fragile, non è vero che non mi merito un aiuto. Io mi sento profondamente sbagliata e le parole di una sua amica, che mi ha fatto notare che sbaglio a dirgli che ho bisogno di lui (sto semplificando ma il concetto è quello) mi hanno dato la botta finale.
Dopo mesi stavo accettando l'aiuto, stavo accettando di piangere e sfogarmi con il mio Amore, e arriva la tizia X e mi dice "Tu sbagli, lascia libero di vivere il mio amico, che tu devi esistere da sola..."

BUM.

E' bastato un mucchietto di parole per smontarmi. Questo non c'entra nulla con il cibo. Questa è fragilità che ora è portata all'estremo, questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Non posso reagire così per una cosa del genere, devo correre ai ripari. Perché se questo è un rinforzo così grande per i miei pensieri negativi su di me, occorra che ritorni con i piedi per terra. Se ho paura dei 2 mesi in cui non ho scuola quando tutti mi invidiano questo periodo di stop dal lavoro, c'è qualcosa che non va'. E' poi una somma di cose, la ma famiglia che è a pezzi, la stanchezza accumulata da un inverno tosto per me, il non sonno, i guai intestinali... somma tutto e aggiungi nella mentalità di una ex anoressica 1,5 kgin più. Fai crack.

E allora intenderei sentire da una degli specialisti che mi conosce cosa pensa di questo periodo, se è il caso di riprendere con un altro terapeuta, se basta magari una visita approfondita con lei, non so. Non so ma ora a qualcuno devo rivolgermi.

Perché sono anche stanca di sentirmi inappropriata...



Non vuoi nemmeno aiuto da Lorenzo, perchè ti senti in colpa se lui si concentra su di te e non vuoi farlo soffrire come hai fatto soffrire Andrea. Probabilmente anche un po' per orgoglio, perchè credi che ormai tu debba cavartela da sola.


Desp, non si tratta di orgoglio, ma di timore. Timore di dovercela comunque fare da sola per il rischio di diventare dipendente (perché per anni lo sono stata, prima dei miei genitori, poi di Andrea un po', e ho fatto loro male). Se poi ci aggiungi la ciliegina sulla torta di chi, a detta sua, lo conosce molto bene e che mi ritiene inopportuna con il mio bisogno di lui, vedi bene che io mi chiudo a riccio.

Non sai quante volte mi ha pregato di parlargli mentre io mi tenevo tutto dentro per paura di dargli dolore dicendogli le cose. Però gli toglievo il suo "ruolo" di persona che vuole starmi accanto nel bene e nel male. Mi sono sciolta piano piano. Negli ultimi 2 giorni mi ero bloccata di nuovo, con l'idea rinforzata di essere inopportuna. Lui lo sa e mi diceva di non farmi ferire così da delle parole. Fatto sta che ho ingoiato lacrime e ho avuto il ventre come un palloncino per 2 giorni. Somatizzo.
Però qualcosa è scattato, almeno un piccolo tentativo di alzare bandiera bianca lo devo fare.



In realtà, sai che un grosso aiuto purtroppo non te lo possiamo dare, perchè la battaglia è fondamentalmente con te stessa.

Questo è vero, però come ho scritto sopra, in parte. A volte basterebbe una parola. Una.


Quello che possiamo fare, secondo me, è fornirti una prospettiva dall'esterno, "lo sguardo degli altri". Che ovviamente non possono sapere esattamente cosa provi, e rischiano di essere anche indelicati.

Certo, lo so, ma certi interventi sono palesemente indelicati a tutto tondo... altri invece sono estremamente costruttivi.

Ma a volte sapere come gli altri vedono la nostra situazione può servire a farci capire che tutto è relativo e ad allentare la morsa delle nostre convinzioni-prigione.
Perchè poi, in fondo, che certi pensieri e certi comportamenti siano di fatto dei sintomi di un disturbo, la tua parte razionale lo sa perfettamente, ma non ha sufficiente forza per impedire alla tua parte nevrotica di pensare e di agire come fa.

Brava Desp... sono attaccata da così tanti punti che proprio non ho forza... la paura prende il sopravvento.


Ecco, lo sguardo degli altri, e i loro commenti, potrebbero, o almeno vorrebbero, essere un supporto alla tua parte razionale, per renderla più forte contro quell'altra.

Io credo che tu questo lo sappia, e anche per questo tu abbia deciso di aprirti qui e mostrare quanto sia essere ancora condizionato dal dca il tuo rapporto col cibo e non solo, visto che poi quello investe molti altri aspetti della vita.

Già.


Non credo che lo avresti mai fatto anni fa, quando eri nel pieno del disturbo; ma lo fai adesso perchè la tua parte "sana" e razionale è stanca di dover cedere a quella "malata", e cerca un rinforzo per resisterle nella prospettiva diversa che ti può dare chi legge.

Anni fa ero totalmente dentro alla cosa, non avevo una parte razionale, o meglio, era in letargo. Per me doveva essere in quel modo e stop.


Questo mica perchè chi legge sia migliore o meno nevrotico, beninteso, ma solo perchè magari le sue ossessioni sono diverse dalla tua e almeno su quella ti può dare una prospettiva più distaccata.
Per fare un esempio banale: tu sai benissimo che sentirsi in colpa per aver mangiato una susina in più è un'assurdità, ma forse se te lo ricordiamo anche noi la tua parte razionale riesce a gestire un po' meglio il senso di colpa patologico che ti scatena.


Un po', forse, sì.

Ora devo andare, ma preparati..questa era solo la premessa!

Sono qui ad attendere il resto.
Ieri sera pizza fuori, ho mangiato solo una pizza, mi ha dato soddisfazione, anche se era piccola, ma era come piace a me ed ero soddisfatta. Alle 3 di notte, dopo il giro dal bombolonaio, anche io avevo fame (ovviamente io quel tipo di junk non lo mangio), allora mi sono concessa a casa qualche perina acerba dal sapore di erba e 1 pesca.

TOT stimato 1600 kcal

Stamani, DOMENICA 01 luglio 2012

COLAZIONE

200g quark magro con 2 gocce di tic
50g All Bran
6 mandorle
1 pesca piccola

Ho messo pochissimo tic nel quark per renderlo neutro, avrei mangiato molto volentieri yogurt al naturale come ieri ma non ne ho più. Mi ha un po' "stuccato" il sapore dolce, ma non ho carboidrati in casa se non panini e pane pema, e non ne avevo voglia stamani.

Vediamo come procede...

Ieri sera, nonostante il tremendo gonfiore della giornata e le poche feci fatte, ero notevolmente piatta dopo la pizza. Questo mi capita spesso quando faccio pasti poveri di fibra (E la pizza era con la cipolla...)
Rispondi Citando
Vecchio
  (#896)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 01-07-2012, 10:26 PM


Fatto pranzo, poi snack alle 16.00 (poi lunga seduta al bagno) e poi cena alle 21.30, tardi perché siamo andati, dopo un’oretta e mezza di mare nel tardissimo pomeriggio, io e Lorenzo in un campo di girasoli a fare foto con la migliore luce del giorno (quella del tramonto, favorevole alla “scrittura della luce” tanto quella dell’alba.
Stanotte, nonostante fossi tornata alle 3, da prima delle 7 ero sveglia e non ho dormito. Nel pomeriggio ho provato ma senza risultato.

TOTALE 1150 kcal

Media settimana 1235 kcal

MEDIA ULTIMO MESE 1175 kcal
Rispondi Citando
Vecchio
  (#897)
DesperateGymwife DesperateGymwife Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 2,699
Data registrazione: Aug 2009
Predefinito 02-07-2012, 01:37 AM


Aspetta...c'è una cosa che non capisco nella tua risposta.
Dici che nessuno ti ha mai rassicurato sul poter ogni tanto staccare la spina dal regime molto rigido che segui.
Lo dici dei dietologi o nutrizionisti che non ti hanno mai lasciato un pasto libero, e questo in effetti sembra anche a me un errore di metodo non piccolo.

Però sul forum a me sembra che questo tipo di messaggio ti sia stato mandato più volte. Ogni volta che qualcuno ti suggerisce di aggiungere qualche alimento, o di non essere così rigida con le calorie, o di non sentirti in colpa per sgarri che non si possono neanche definire tali, vuole rassicurarti sul fatto che anche tu, come tutti, hai diritto a prenderti una pausa dalla dieta.

Forse però un messaggio indiretto non ti basta, non è abbastanza rassicurante. Secondo me a questo punto potresti fare una domanda precisa alla tua nutrizionista, quando rientra dalle ferie.
Per inciso, secondo me hai fatto benissimo sia ad aprirti con tua madre che con Lorenzo e a ricontattare la nutrizionista.

Ho letto con molto interesse anche i due brani che hai allegato. Il primo completa quello che avevi scritto prima sul rapporto col cibo della vostra famiglia, e mi ha dato proprio la sensazione che certi problemi non nascono per caso. Non prenderla male, ma in effetti in quella situazione e con quegli sviluppi nella prima adolescenza (le prima dieta da 1200 kcal senza pasto libero, appioppata a una ragazzina di 13 anni) mi sembra che lo sviluppo di un dca fosse molto probabile.

Da quel che si evince dal primo racconto, poteva essere anche uno opposto al tuo, ma evidentemente certi tratti del tuo carattere ti rendono più incline all'eccesso di restrizione che all'eccesso, e alla negazione del piacere che alla sua ricerca. Questo poi si capisce meglio dal secondo racconto, quello sui sensi di colpa. E da quella frase che hai messo in rosso [B]Il mio corpo accoglie il dolore e rifiuta qualsiasi tipo di piacere, o comunque questa è la tendenza, e questo mi fa’ paura.[/b]

Beh, in effetti la maggior parte degli esseri viventi tende a fare il contrario...e se mai ha il problema opposto, cioè non riesce a vincere le tentazioni delle occasioni di piacere, come è il caso della sottoscritta.
Nei tuoi post questo del piacere negato è un ritornello costante, ad es. quando dici che mangi in piedi, o cose poco cotte, o addirittura che per anni non ti sei messa comoda sul divano.

Un giorno hai scritto che hai mangiato appena arrivata, prima di fare di pipì, in modo che quel fastidio in qualche maniera compensasse il fatto che ti concedevi di mangiare subito.
Questa cosa mi ha fatto sorridere, perchè io invece devo sempre fare pipì prima di mangiare, proprio perchè detesto farlo con la sensazione della vescica anche solo parzialmente piena. Così come destesto mangiare in piedi, e in generale scomoda, oppure al freddo, o senza essermi lavata le mani.
Non faccio neanche mai colazione al bar, a meno che non possa sedermi e prendermi il mio tempo, perchè buttare giù lì al bancone un caffè e una brioche mi dà un 'idea di fretta e anche come gusto non mi appaga per niente.

A me questo tuo aspetto, e questo costante bisogno di punirsi, colpisce anche di più del numero bassissimo di calorie, forse perchè io invece sono un'edonista e ho il problema opposto, quello di cedere subito alle tentazioni del piacere.
In realtà anche io sono sempre combattuta, per cui spesso il piacere è causa di sensi di colpa, ma certe volte sento anche di potermelo concedere e me lo godo del tutto. Anzi, anche quando c'è il senso di colpa, ammetto che non è così forte da rovinarmi il gusto.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#898)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 02-07-2012, 07:07 AM


LUNEDI’ 02 luglio 2012

Sveglia (naturale, non messa per alzarmi) alle 5.30, dopo 3 risvegli minimo, uno dei quail dopo 1h che ero a letto. Lorenzo era in sala-cucina per preparare la valigia per la partenza di stamani e mi ha vista andare in bagno con la faccia sconvolta. Ho avuto uno dei miei sogni in cui mi sveglio e mi sento ancora dentro al sogno… avevo sognato che ero stata mutilata, o comunque che qualcosa di grave e irreparabile era stato causato non so come al mio corpo…
Ho annaffiato l’orto, lavato le zucchine e i pomodori e fatto colazione. La pancia mi sta uccidendo… prevedo una lotta al bagno…

COLAZIONE h. 6.30

200g yogurt magro
20g All Bran
1 mela piccola
8 mandorle

Il tutto ovviamente senza aggiunta di Tic o altro.
Rispondi Citando
Vecchio
  (#899)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito 02-07-2012, 11:00 PM


Oggi pranzo dalle 12.30 alle 15.00, vale a dire che ho mangiato in maniera confusa e veloce, come sempre quando sono affamata e agitata. Nell’ordine per come ricordo… Fiocchi di latte 1 pomodoro poi mela mandorle poi altra mela poi sono andata un po’ sul letto poi diarrea poi svegliata dopo 40 minuti boh, e allora altra mela poi senso di colpa per frutta e troppi cho, allora scatoletta tonno piccola al naturale con cucchiaino di olio, così a forchettate, poi mi sembra buccia di altra mela e/o pesca non ricordo, poi ho fatto altro poi mangiato zucchine anche se non volevo mangiare verdura e con le zucchine ho mangiato 100g di yogurt avanzato di oggi e non ricordo se un’altra mela, ho tenuto traccia delle kcal…

Cena dopo pump. Allenata con dolori, tanta diarrea oggi e poi aria, anche ora ho i crampi. Non sono tornata allupata, ho avuto il tempo di cuocermi verdura e scaldare il petto di pollo by my mum. Registro la sfida con me stessa per il mio ex cibo totem, il Total Fage; fino a poco tempo fa non potevo non mangiarne uno al giorno, messo un po’ in freezer poi consumato con la mia cremina al cacao rigorosamente senza mischiare i due. Poi non l’ho comprato per un po’, poi ho ristabilito la dipendenza, ultimamente lo consumavo come qualsiasi altro latticino, naturale o speziato, e per la I volta riesco a porzionarlo consumandolo in 2 volte, anche in 2 giorni diversi.
Stasera l’ho mangiato con cacao mischiato direttamente nel vasetto e poco Tic. Mi è piaciuto ma NON nel modo in cui ho sempre gustato i miei dolci proteici. Non sento la necessità di ricominciare a mangiarne uno al giorno domani né sempre dolce (Anzi il contrario semmai), né, cosa importantissima, mi sento insoddisfatta perché non ho consumato il cibo totem seguendo il mio rituale. Un po’ come la pizza sabato scorso.

CENA

150g petto pollo
Zucchine trombetta
1 cucchiaino olio
1 Total Fage 0%
2 cucchiaini cacao amaro

TOT 1175 kcal
Rispondi Citando
Vecchio
  (#900)
Acid Angel Acid Angel Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 5,824
Data registrazione: Aug 2010
Età: 43
Invia un messaggio via Skype a Acid Angel
Predefinito Thanks - 02-07-2012, 11:51 PM


Vorrei cogliere l'occasione per dire GRAZIE a chi mi legge ma non interviene, però mi scrive in privato per darmi il suo conforto. Vi risponderò ovviamente, ma intanto vi dico quanto mi scaldi il cuore la vostra presenza, il vostro solo pensare a me.

Certe ossessioni, che sono solo sintomi in realtà, possono essere scambiate per infantilismi. Una donna di 31 anni, in salute, con un lavoro, una casa, una famiglia, un fidanzato, un cane, tutto sommato di bell'aspetto, non può star male, di certo se si fissa con il chiletto in più è superficiale. Beh in me di superficiale purtroppo non c'è nulla (dico purtroppo perché al 99% se fossi stata più scema sarei stata più felice) e voi l'avete capito.

Un supporto di questo tipo scalda dentro più di qualsiasi coltre che possa mettere a mia difesa.

Grazie ancora.
Rispondi Citando
Rispondi



Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Attivo
Pingbacks are Attivo
Refbacks are Disattivato



Powered by vBulletin Copyright © 2000-2010 Jelsoft Enterprises Limited
Fituncensored Forum - © 2005-2012

-->

Search Engine Optimization by vBSEO 3.0.0