Vai Indietro   FitUncensored Forum >
Eventi e Manifestazioni Sportive
> Olimpiadi > Cina - Situazione politica e sociale
REGISTRATI FAQ Calendario Personal Trainer Gratis Segna come Letti

Rispondi
 
LinkBack Strumenti Discussione Modalitą Visualizzazione
Vecchio
  (#1)
Veleno Veleno Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 6,442
Data registrazione: Jun 2007
Localitą: Non omologata
Etą: 46
Predefinito Richieste di boicottaggio agli azzurri - 07-08-2008, 06:29 PM

Richieste di boicottaggio agli azzurri


J.Elkann: nessuno puo' fare a meno della Cinadi Andrea Linares

PECHINO - Nessuno puo' fare a meno della Cina: ne' la politica, ne' l'economia, ne' lo sport. Per questo non si puo' chiedere agli atleti azzurri di boicottare la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici e, allo stesso tempo, non si puo' chiedere al mondo dell'economia e delle imprese di smettere di fare affari col colosso asiatico.

Arrivato a Pechino per assistere alla prima settimana di gare, il vice presidente di Fiat e presidente di Ifil John Elkann, interviene nella polemica nata dalla richiesta fatta da alcuni esponenti politici agli atleti azzurri di boicottare l'apertura dei Giochi in difesa dei diritti umani. Proposta a cui atleti e presidente del Coni Giovanni Petrucci hanno risposto domandando perche' non si chiedesse analogo boicottaggio alle aziende italiane.

''Nessuno puo' fare a meno della Cina'', ha detto Elkann a margine della visita a Casa Italia, durante la quale era accompagnato dalla moglie Lavinia Borromeo. Ed ''e' sbagliato chiedere agli azzurri'' di boicottare la cerimonia olimpica. ''La Cina - ha aggiunto il top manager Fiat, che a Nanchino dispone di un importante impianto produttivo - e' un grande Paese con una grande storia. Che ha sempre avuto tantissimi rapporti con l'Italia. La presenza imprenditoriale italiana e' forte e questo Paese rappresenta una grande opportunita'''.

Gli stessi Giochi olimpici - ha aggiunto - ''costituiscono una grande opportunita' per tutti. Perche' lo sport e' un veicolo straordinario''. In vacanza con la moglie, smessa la 'grisaglia di ordinanza' delle giornate di lavoro e indossati jeans e camicia sportiva azzurra, John Elkann ha voluto pero' ricondurre il discorso sullo sport. ''Dobbiamo tenere alto questo spirito - ha detto infatti - Godiamoci le Olimpiadi, che sono un grande momento, con tanti valori positivi. Ho avuto un impatto molto positivo e trovato un'atmosfera straordinaria''.

Prima di arrivare a Pechino, Elkann ha fatto tappa a Singapore dove ha tra l'altro incontrato la nazionale italiana di pallanuoto. ''Stanno molto bene, li ho trovati molto motivati, con uno spirito ottimo e tanta voglia di vincere''. Durante le giornate olimpiche invece - ha spiegato - cerchera' di non mancare almeno a 2 appuntamenti: l'esordio del Settebello di pallanuoto con la Croazia e il match di apertura del torneo di basket maschile Cina-Usa.


ANSA.it - J.Elkann: nessuno puo' fare a meno della Cina


Rispondi Citando
Vecchio
  (#2)
Veleno Veleno Non in Linea
All the Truth Member
 
Messaggi: 6,442
Data registrazione: Jun 2007
Localitą: Non omologata
Etą: 46
Predefinito 07-08-2008, 06:32 PM


OLIMPIADI: GASPARRI, MI AUGURO GESTI SIMBOLICI NON BOICOTTAGGIO (ASCA) - Roma, 6 ago -


''L'obiettivo e' stato raggiunto: centrare l'attenzione sui temi dei diritti umani calpestati dalla Cina all'interno dei propri confini, nel Tibet e altrove. Non devo fare marcia indietro, ma basta leggere cio' che ho dichiarato ieri e da molto tempo per capire che mi auguro gesti simbolici, non boicottaggi''. Lo ha dichiarato il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri.

''Carlos e Smith nel '68 - ha proseguito Gasparri - ebbero coraggio e ancora oggi li ricordiamo. Non me la prendo con gli atleti, ma elogio quelli che hanno parlato chiaro.

Capisco poi altri, costantemente richiamati dal Coni. E ringrazio il membro della giunta del Coni, Claudio Barbaro, che auspica gesti simbolici per la liberta'. Sono certo che chi rappresenta il governo italiano in Cina in questa occasione richiamera' un tema ineludibile: la liberta' negata dal comunismo, richiamato dai ritratti di Mao che ancora oggi capeggiano su piazza Tien An Men''.

''Fosse per me - ha aggiunto - con la Cina che ci fa concorrenza sleale non bisognerebbe fare neanche affari. Ma da qualche millennio il business condiziona il mondo e non ho certo da solo la forza di cambiare il corso della storia. Le responsabilita' gravano certo sui politici, non sullo sport.

''L'ipocrisia - ha concluso il Senatore - non mi appartiene. La Cina comunista e' responsabile di comportamenti inauditi e cio' va detto affinche' la politica non usi le Olimpiadi come avviene dai tempi di Hitler a quelli del Politic Bureau di Pechino''.



OLIMPIADI: GASPARRI, MI AUGURO GESTI SIMBOLICI NON BOICOTTAGGIO - Agenzia di stampa Asca
Rispondi Citando
Rispondi



Strumenti Discussione
Modalitą Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies č Attivo
[IMG] il codice č Attivo
Il codice HTML č Disattivato
Trackbacks are Attivo
Pingbacks are Attivo
Refbacks are Disattivato



Powered by vBulletin Copyright © 2000-2010 Jelsoft Enterprises Limited
Fituncensored Forum - © 2005-2012

-->

Search Engine Optimization by vBSEO 3.0.0